Nel frattempo…

… sono sparito di nuovo. O forse non proprio.

Da Maggio ho iniziato una nuova (e speriamo ultima) avventura professionale, mentre a Luglio sono diventato MVP ūüôā

MVP

Per la nuova¬†avventura professionale, devo dire che mi sta soddisfacendo parecchio ma mi sta anche¬†assorbendo quasi completamente, quindi ben venga il riconoscimento¬†(spero meritato) come MVP per poter riprendere spunto ed energie per¬†ricominciare a condividere quel poco che so, e approfondire insieme le tecnologie pi√Ļ interessanti che¬†possiamo utilizzare.

Spero solo di riuscire, appena finite le vacanze, a riprendere un ritmo tale da avere una maggiore presenza sul web e negli eventi (a breve qualche update).

Come al solito, sentitevi liberi di darmi una mano ūüėČ

Nel frattempo…

Le sessioni del Technical Cloud Day

L’altro giorno mi √® arrivata una mail da Microsoft che mi segnalava la¬†disponibilit√†¬†online delle sessioni del Technical Cloud Day, un evento a cui purtroppo non ho potuto partecipare (e di questo¬†mi pento amaramente).

Fortunatamente queste interessantissime sessioni, tenute da esperti del settore, sono state registrate e rese disponibili online su Channel 9, e le trovate a questo indirizzo.

Tra le molte sessioni sicuramente troverete qualcuna che vi interesserà.

Io personalmente ritengo le tematiche¬†trattate tutte degne di interesse e di sicuro cercher√≤ di capirne qualcosa in pi√Ļ per poterle poi utilizzarle¬†sul campo quando necessario.

E come gi√† detto in altri post, ricordate che ‚ÄúScientia potentia est‚Ä̬†(ovvero ‚Äúsapere √® potere‚ÄĚ).

Le sessioni del Technical Cloud Day

L’offerta formativa gratuita di Microsoft

Pi√Ļ vado avanti ad imparare cose nuove, pi√Ļ ho voglia di aumentare le mie conoscenze.

E’ una spirale morbosa da¬†cui non riesco proprio ad uscire e, onestamente, non mi dispiace affatto!
Questa mia “verve” negli¬†ultimi anni √® aumentata ed aumenta sempre di pi√Ļ ogni giorno (a discapito del riposo e del tempo libero ma quello √® un altro discorso).

E visto che anche¬†Microsoft sempre pi√Ļ aumenta e rende disponibile una serie di contenuti e documentazioni per poter far felici dei matti come me, ho deciso di condividere con voi quelle che sono alcune¬†delle¬†possibili “risorse” da utilizzare.

Si tratta di una serie di siti e portali multimediali dove possiamo attingere ad una serie di informazioni, per lo pi√Ļ¬†webcast (quindi video) che ci guidano e ci insegnano tante cose molto interessanti.
La maggior parte dei webcast sono ovviamente in inglese, ma per i pi√Ļ pigri¬†non mancano¬†le risorse in italiano, per lo pi√Ļ registrate da personale Microsoft Italia o MVP con una smisurata passione e preparazione sugli argomenti spiegati.
In elenco ci sono anche libri gratuiti offerti da Microsoft stessa.

Magari questa lista non sarà esaustiva, probabilmente esiste altro che non conosco, per cui in quel caso, commentate pure questo post, a beneficio di chi segue questo blog (e a beneficio mio ovviamente! ).

Attenzione: questo post si riferisce esclusivamente alle risorse direttamente offerte da Microsoft (che io uso e conosco), per risorse offerte da altre aziende e/o produttori software ecc., ci sarà un altro post al riguardo, per cui aspettate quello per vedere se ho dimenticato qualcuno, grazie.


 

Channel 9

https://channel9.msdn.com/

CH9.png

Channel 9 √® lo “storico” canale online di Microsoft, esistente gi√† dal 2004 e che inizialmente era stato fatto (anche) per conoscere Microsoft dall’interno, ricordo ancora i video in giro per i building di Redmond¬†e le interviste con¬†gli sviluppatori del framework .NET dediti a sviluppare singole classi che poi ho usato.
Oggi è un canale mostruoso, ricco di webcast su TUTTO quello che avviene in Microsoft e con una serie di show dedicati e tutorial online.
I video sono maggiormente in inglese, ma da qualche anno esistono anche risorse “localizzate” in diverse lingue ed anche in italiano c’√® tanta roba.
Secondo me un punto di partenza obbligatorio per imparare tante cose.

#TecHeroes

https://channel9.msdn.com/Shows/TecHeroes

Ch9TecHeroes

Ne abbiamo gi√† parlato, #TecHeroes √® il canale “italiano” portato avanti da Roberto Andreoli e dal¬†team DX che si prodiga per parlare degli “eroi della tecnologia”, gente appassionata¬†che fa tanto per poter migliorare il proprio lavoro e quello degli altri ogni giorno.¬†I video in questo show¬†sono ovviamente tutti in italiano.

Microsoft Virtual Academy

https://mva.microsoft.com/

MVA.png

Microsoft Virtual Academy offre percorsi formativi “completi” in forma di webcast, organizzati in corsi e capitoli strutturati, una vera “miniera” per imparare tantissime cose.
Anche in questo caso, ci sono video in inglese e anche in altre lingue tra cui l’italiano, con corsi creati da MVP e personale Microsoft.
Ottimo e ben strutturato.

Free E-Books

https://mva.microsoft.com/ebooks

MVABooks.png

Qui abbiamo tanti libri (in inglese) offerti gratuitamente da Microsoft Press. Si tratta di libri completi che potevano tranquillamente essere venduti a 50-60$ (o ‚ā¨) per il valore del lavoro svolto dai vari autori.
Ottimo da leggere quando avete un argomento specifico da approfondire e non vi spaventa (perchè mai dovrebbe poi?) leggere in inglese.

Microsoft Mechanics

https://www.youtube.com/channel/UCJ9905MRHxwLZ2jeNQGIWxA

MsMechanics.png

Su questo canale ci sono finito per caso e ultimamente (per poi scoprire che gli stessi video sono anche su un canale di Channel 9).
Da quello che vedo ci sono tanti webcast relativi ad Office, Azure, Exchange, insomma risorse potenzialmente per ITPro (o DevOps).
Per ora ho visto solo un paio di video, ma mi sembra molto interessante e ho pensato di segnalarvelo.

Born to Learn

https://borntolearn.mslearn.net/

BTL.png

“Born to Learn” √® il portale dedicato alla formazione e certificazione per competenze Microsoft. Qui trovate un blog sempre aggiornato sulle ultime novit√† dei percorsi di certificazione,¬†con anche opportunit√† di fare esami di certificazione¬†“in beta”, ovvero non pagandoli e ricevendo la certificazione concreta se passate l’esame¬†(come recentemente √® avvenuto a me), ma anche Forum e tante altre risorse per studiare e certificare le proprie competenze.
Da tenere sicuramente sott’occhio e aggiungere al proprio feed reader.


 

Insomma un mare di formazione disponibile, sempre, ovunque, gratuitamente!

Ora non avete pi√Ļ scuse per imparare qualcosa di nuovo, e migliorare voi stessi e il vostro lavoro.

E ricordate sempre che “Scientia potentia est”¬†(ovvero “sapere √® potere”).

L’offerta formativa gratuita di Microsoft

#TecHeroes loves #GameDev

Per chi non lo conoscesse (e sarebbe abbastanza grave!) #TecHeroes è uno show online gestito da Roberto Andreoli con il team DX di Microsoft Italia e pubblicato su Channel 9, il canale multimediale tecnico di Microsoft.

Nelle varie puntate¬†vengono ospitati gli “eroi della tecnologia”¬†ovvero le persone che, secondo gli organizzatori dello show, si impegnano in maniera particolarmente attiva¬†a¬†condividere il proprio tempo e le proprie¬†conoscenza tecnologiche¬†con gli altri.

Anche io ho avuto l’onore di¬†partecipare¬†qualche tempo fa (insieme a Massimo Bonanni) per parlare della nostra community¬†dotNET{podcast.

techeroes50.png

Oltre agli innumerevoli video che presentano prodotti e tecnologie Microsoft (e non solo), e ultimamente anche le community tecniche, da qualche settimana √® stata avviata¬†una nuova “serie nella serie”, ovvero un filone¬†di puntate dedicate allo sviluppo gaming, identificata dal nome #TecHeroes loves #GameDev¬†e di cui abbiamo visto finora¬†un paio di puntate ma gi√† molto interessanti e promettenti:

Lo show vede come “conduttore” Marcello Marchetti, da poco diventato Microsoft Evangelist, e¬†che possiede¬†grandi¬†competenze di programmazione gaming.

Techeroes.png

Non vi resta che sottoscrivere il feed RSS di #TecHeroes per non perdere nessuna puntata della serie e quindi anche di questo nuovo e interessantissimo filone educativo!

#TecHeroes loves #GameDev

Mai sentito parlare di Azure Stack?

L’altro giorno stavo guardando questo video della serie #TecHeroes con Paola Presutto che spiega un pochettino cosa sia Azure Stack.

PaolaPAzureStack.png

Ne avevo sentito parlare ma non avevo mai approfondito l’argomento e allora, incuriosito da questo interessante video mi sono messo a cercare un po’ di informazioni.

Cosa è Azure Stack

Azure Stack √® stato presentato durante la conferenza americana¬†Ignite del 2015, e pubblicato in Technical Preview 1 a fine gennaio 2016, e si tratta di una piattaforma per il cloud “ibrido”, ovvero da installare nei propri datacenter, basata sullo stesso modello e sulle stesse tecnologie di Azure. Banalizzando il concetto¬†in due parole, una sorta di “Azure installabile in casa”.

In realt√† non ci sono (ancora) il 100% delle funzionalit√† di Azure, ma √® comunque una buona soluzione PaaS/IaaS che va incontro a tutte quelle¬†aziende che hanno ancora “paura” di portare¬†i loro “beni” al di fuori dei loro confini.

Microsoft ha fatto quindi una mossa per la serie:¬†se Maometto non va alla montagna, √® la montagna che va da Maometto”, e per quanto ne so, non¬†esistono altre piattaforme cloud che abbiano fatto¬†qualcosa di simile.
Questo rappresenta sicuramente¬†una nuova categoria di prodotti, qualcosa che potremmo¬†classificare come “hybrid cloud platform” o simile.

Quali sono i requisiti per poterlo installare

Se avete i requisiti hw e sw qui elencati e volete avere il cloud in casa vostra, potete provare questa Technical Preview 1 di Azure Stack.

Ovviamente non si tratta di una installazione che si può fare in casa, a meno che non abbiate a disposizione un server con un minimo di 12 core e 96 GB di ram (e in quel caso vi invidierei moltissimo).
Il tutto può essere comunque installato su una sola macchina fisica.

Io purtroppo non ho a disposizione¬†i requisiti minimi richiesti, e quindi cercher√≤ di capire qualcosa in pi√Ļ¬†dando¬†un’occhiata in rete per capire se qualcuno ha avuto esperienze al riguardo.

Ad ogni modo, Microsoft vuole semplificare pi√Ļ possibile¬†questo requisito, tanto che si sta interfacciando con¬†i suoi¬†vendor di riferimento¬†per¬†definire delle soluzioni hardware¬†specificatamente progettate per Azure Stack.

Qual è il target di riferimento

Il target è sicuramente quello aziendale, con una infrastruttura di un certo livello ed esigenze ben specifiche.

Anche la procedura di installazione, sebbene Microsoft tenda sempre a semplificarla a vantaggio degli utenti, in questo caso non è proprio alla portata di tutti.

Quindi hardware e software come da requisiti si, ma anche figure capaci di “costruire” una infrastruttura ex-novo (praticamente) e di saperla poi governare adeguatamente.

Insomma è un gran bel giocattolo ma bisogna saperlo usare. Staremo a vedere in futuro se ci saranno casi concreti da esaminare.

Caratteristiche e concetti principali di Azure Stack

Vista la consistenza di questo “prodotto”, sul portale avremo (stando alle immagini sul sito ufficiale)¬†la stessa esperienza utente che abbiamo su Azure:

image3

Questo rappresenta un ovvio vantaggio per chi è già pratico del cloud di Microsoft. Infatti con le stesse funzionalità (su fronti diversi) si potranno gestire contemporaneamente le risorse nel proprio datacenter, le risorse su Azure e le risorse su altri datacenter (se avviati con lo stesso prodotto).

E come il cloud di Microsoft, da questa installazione si potranno creare piani e sottoscrizioni per poter rendere disponibili i vari servizi nell’ecosistema di destinazione.
Nei piani potranno essere configurati i vari servizi disponibili con le quote decise per ogni servizio (per esempio banda massima utilizzabile, percentuale cpu massima utilizzabile, ecc.).

Insomma con Azure Stack ne vedremo delle belle!

Mai sentito parlare di Azure Stack?

Gli SDK disponibili per Application Insights

Abbiamo visto un po’ di cose su Application Insights ultimamente, ma √® arrivato il momento di iniziare a parlare di codice.

Application Insights consente agli sviluppatori di interagire con diversi linguaggi e/o piattaforme.

Un elenco (non esaustivo) di SDK è il seguente:

Questo vi faccia capire come questo strumento non vuole essere solo un prodotto legato al¬†solo¬†ecosistema Microsoft, ma sia aperto a pi√Ļ¬†fronti.

Personalmente ho provato¬†solo l’interazione nel codice .NET ma immagino che sia equivalente in tutto e per tutto anche negli altri ambienti / linguaggi.

Qualche giorno fa stavo vedendo un po’ come funziona PHP, incuriosito da¬†classifiche sulla diffusione di linguaggi di programmazione e robe del genere,¬†magari potrei provare a vedere un po’ con quel linguaggio come va, appena ho qualcosa di concreto comunque vi faccio sapere.

Gli SDK disponibili per Application Insights

Le metriche di Application Insights

Quando ho deciso di scrivere un post per spiegare le tipologie di metriche di Application Insights mi sono reso conto di averne già scritto uno su Aspitalia.com .

Per questo forse √® meglio risparmiare energie e riportarvi direttamente il link all’articolo.

 

marketing-performance-metrics

Chiaro che le metriche di Application Insights sono veramente tantissime¬†ma nell’articolo che scrissi qualche tempo spiegavo¬†le tipologie e facevo alcuni esempi per dare un’idea di massima di come funzionano le metriche, per le altre “divertitevi” a girare in autonomia nella dashboard, e vedere quali fanno al caso vostro.

Le metriche di Application Insights