L’offerta formativa gratuita di Microsoft

Più vado avanti ad imparare cose nuove, più ho voglia di aumentare le mie conoscenze.

E’ una spirale morbosa da cui non riesco proprio ad uscire e, onestamente, non mi dispiace affatto!
Questa mia “verve” negli ultimi anni è aumentata ed aumenta sempre di più ogni giorno (a discapito del riposo e del tempo libero ma quello è un altro discorso).

E visto che anche Microsoft sempre più aumenta e rende disponibile una serie di contenuti e documentazioni per poter far felici dei matti come me, ho deciso di condividere con voi quelle che sono alcune delle possibili “risorse” da utilizzare.

Si tratta di una serie di siti e portali multimediali dove possiamo attingere ad una serie di informazioni, per lo più webcast (quindi video) che ci guidano e ci insegnano tante cose molto interessanti.
La maggior parte dei webcast sono ovviamente in inglese, ma per i più pigri non mancano le risorse in italiano, per lo più registrate da personale Microsoft Italia o MVP con una smisurata passione e preparazione sugli argomenti spiegati.
In elenco ci sono anche libri gratuiti offerti da Microsoft stessa.

Magari questa lista non sarà esaustiva, probabilmente esiste altro che non conosco, per cui in quel caso, commentate pure questo post, a beneficio di chi segue questo blog (e a beneficio mio ovviamente! ).

Attenzione: questo post si riferisce esclusivamente alle risorse direttamente offerte da Microsoft (che io uso e conosco), per risorse offerte da altre aziende e/o produttori software ecc., ci sarà un altro post al riguardo, per cui aspettate quello per vedere se ho dimenticato qualcuno, grazie.


 

Channel 9

https://channel9.msdn.com/

CH9.png

Channel 9 è lo “storico” canale online di Microsoft, esistente già dal 2004 e che inizialmente era stato fatto (anche) per conoscere Microsoft dall’interno, ricordo ancora i video in giro per i building di Redmond e le interviste con gli sviluppatori del framework .NET dediti a sviluppare singole classi che poi ho usato.
Oggi è un canale mostruoso, ricco di webcast su TUTTO quello che avviene in Microsoft e con una serie di show dedicati e tutorial online.
I video sono maggiormente in inglese, ma da qualche anno esistono anche risorse “localizzate” in diverse lingue ed anche in italiano c’è tanta roba.
Secondo me un punto di partenza obbligatorio per imparare tante cose.

#TecHeroes

https://channel9.msdn.com/Shows/TecHeroes

Ch9TecHeroes

Ne abbiamo già parlato, #TecHeroes è il canale “italiano” portato avanti da Roberto Andreoli e dal team DX che si prodiga per parlare degli “eroi della tecnologia”, gente appassionata che fa tanto per poter migliorare il proprio lavoro e quello degli altri ogni giorno. I video in questo show sono ovviamente tutti in italiano.

Microsoft Virtual Academy

https://mva.microsoft.com/

MVA.png

Microsoft Virtual Academy offre percorsi formativi “completi” in forma di webcast, organizzati in corsi e capitoli strutturati, una vera “miniera” per imparare tantissime cose.
Anche in questo caso, ci sono video in inglese e anche in altre lingue tra cui l’italiano, con corsi creati da MVP e personale Microsoft.
Ottimo e ben strutturato.

Free E-Books

https://mva.microsoft.com/ebooks

MVABooks.png

Qui abbiamo tanti libri (in inglese) offerti gratuitamente da Microsoft Press. Si tratta di libri completi che potevano tranquillamente essere venduti a 50-60$ (o €) per il valore del lavoro svolto dai vari autori.
Ottimo da leggere quando avete un argomento specifico da approfondire e non vi spaventa (perchè mai dovrebbe poi?) leggere in inglese.

Microsoft Mechanics

https://www.youtube.com/channel/UCJ9905MRHxwLZ2jeNQGIWxA

MsMechanics.png

Su questo canale ci sono finito per caso e ultimamente (per poi scoprire che gli stessi video sono anche su un canale di Channel 9).
Da quello che vedo ci sono tanti webcast relativi ad Office, Azure, Exchange, insomma risorse potenzialmente per ITPro (o DevOps).
Per ora ho visto solo un paio di video, ma mi sembra molto interessante e ho pensato di segnalarvelo.

Born to Learn

https://borntolearn.mslearn.net/

BTL.png

“Born to Learn” è il portale dedicato alla formazione e certificazione per competenze Microsoft. Qui trovate un blog sempre aggiornato sulle ultime novità dei percorsi di certificazione, con anche opportunità di fare esami di certificazione “in beta”, ovvero non pagandoli e ricevendo la certificazione concreta se passate l’esame (come recentemente è avvenuto a me), ma anche Forum e tante altre risorse per studiare e certificare le proprie competenze.
Da tenere sicuramente sott’occhio e aggiungere al proprio feed reader.


 

Insomma un mare di formazione disponibile, sempre, ovunque, gratuitamente!

Ora non avete più scuse per imparare qualcosa di nuovo, e migliorare voi stessi e il vostro lavoro.

E ricordate sempre che “Scientia potentia est” (ovvero “sapere è potere”).

L’offerta formativa gratuita di Microsoft

Surface – Download e installazione SDK 1.0 SP1

In questo post vedremo insieme come procedere per il download dell’SDK di Surface e relativa installazione.

Download

Innanzitutto, l’SDK è disponibile solo alle aziende partner, per cui se siete dipendenti di una azienda partner, procedete con la associazione del vostro profilo all’azienda, oppure se avete una attività o una azienda in proprio valutate di diventare partner di Microsoft, se non lo siete già. Non conosco bene i dettagli, ma non mi pare abbia un costo. Comunque sia, consultate il sito dei partner per vedere il da farsi.

Una volta superato questo ostacolo, andate su questo nuovo sito, Surface QuickStart su cui troverete tutto quello che vi serve. Nella fattispecie, oltre all’SDK vi è altro materiale, come manuali, documentazione e video.

Una volta scaricato tutto l’occorrente possiamo andare con l’installazione

Installazione

Per utilizzare l’SDK di Surface, occorre rispettare una serie di requisiti.

Partiamo dai requisiti hardware:

  • La macchina ideale per lo sviluppo con questo SDK si basa su Vista (vedremo di seguito quali versioni) e in quanto tale, le caratteristiche fisiche della macchina non sono indicate in termini di ram, cpu ecc, ma sono indicate in termini di misurazione tramite Windows Experience Index
    (WEI) in base al quale viene “categorizzato” l’hardware sottostante; fatto sta che per far girare l’SDK di Surface è richiesto come minimo un livello di questo genere:
    • CPU: WEI 4.0 o superiore
    • RAM: WEI 4.0 o superiore
    • Scheda Grafica:
    • Monitor: Risoluzione minima richiesta 1280×960 (o 1440×900 su schermi “wide”) per far girare il Simulator

Vediamo ora i requisiti software:

  • l’unico sistema operativo supportato è Vista a 32 bit, e solo nelle versioni Business, Enterprise, Ultimate o Home Premium (personalmente l’ho installato su Windows Server 2008 Enterprise e pare funzionare bene ma se avete una delle versioni di Vista sopra indicate, installatelo là per sicurezza); il SP1 di Vista deve essere installato
  • come IDE va bene sia VS2008 che C# Express 2008 (il framework .NET 3.5 lo installa l’IDE)
  • installare anche XNA Framework Redistributable 2.0 (si può usare anche la XNA Game Studio Espress 3.0, ma se non vi serve va bene solo la parte “Redistributable”)
  • installare le Microsoft DirectX 9.0 End-User Rumtime (rel. 08/2007)
  • raccomandata anche l’installazione di Expression Blend 2 (per XAML)

A questo punto dovreste essere finalmente pronti per installare il Microsoft Surface SDK 1.0 SP1, Workstation Edition che avete scaricato dal sito dei Partner Microsoft.

Completata l’installazione potrete trovare nel vostro IDE (VS2008 o C# Express 2008) facendo New > Project dovreste trovare un nuovo gruppo di progetti :

  • Surface
    • v1.0
      • Surface Application (WPF)
      • Surface Application (XNA)

mentre nel menù Start dovreste trovare un nuovo gruppo di programmi:

  • Microsoft Surface SDK 1.0 SP1
    • Application XML files
      • si tratta di un command prompt con diritti elevati, pronto alla directory dove si trovano i files XML di Surface; i diritti elevati consentono l’editing senza problemi di autorizzazioni
    • Getting Help
      • un primo livello di help per il supporto e la documentazione estesa
    • Samples
      • apre la directory dove si trova un file .ZIP con diversi codici di esempio
    • Surface SDK Documentation
      • apre l’Help dell’SDK (al primo avvio indicizza e perde qualche minuto)
    • Tools
      • Identity Tag Printing Tool
        • consente la generazione degli Identity Tags (consultare l’SDK per maggiori informazioni)
      • Surface Simulator
        • è il vero “cuore” di questo SDK, è lo strumento che simula il codice scritto e ci supporta nel debug, prima di fare il test finale sul device fisico
      • Surface Stress
        • si tratta di un command prompt da cui possiamo testare le applicazioni Surface
      • Water Configuration
        • è il configuratore dello “screen saver” di Surface, l’applicazione Water, molto accattivante

Per adesso è tutto. Man mano che andremo avanti, cercherò di scrivere dei post specifici sulle varie parti di questo SDK, cercando di evidenziare pregi e difetti di questo SDK. Tenete presente che per ora non ho il device fisico, per cui le impressioni riguarderanno solo la parte “emulata” delle applicazioni Surface.

Buon lavoro!

Surface – Download e installazione SDK 1.0 SP1

Restarting blog – Hands on Surface SDK

Quasi un anno che non scrivo un post su questo blog. Questo vuol dire tanto.

Tanto, tantissimo lavoro (da scoppiare) dentro e sopratutto fuori dal l’azienda, ma poco anzi pochissimo da dire di nuovo sul blog.

Ora ho intenzione di ripartire. Ora si che ho un motivo valido per ricominciare a scrivere. Ora ho il Surface SDK da studiare.

E’ più o meno dal periodo dell’ultimo post che sto cercando qualcosa di più creativo e innovativo con cui stimolare i miei neuroni. Questo per me potrebbe essere sicuramente Microsoft Surface.

In azienda non se ne parlava affatto di comprare un qualcosa di cui non si sa il ROI, fosse anche una cifra (tutto sommato) irrisoria come una decina di migliaia di dollari (per una azienda eh, sia chiaro, per me sono quattrini 🙂 ). Anzi in realtà prima l’azienda non esisteva più.

Ma adesso le cose sono (o almeno sembrano) cambiate. L’azienda ha cambiato pelle (e proprietà), pare voglia investire e per giunta su qualcosa di innovativo. E allora cosa ritorna a solleticarmi ? Si, sempre lui.

Poi, ironia della sorte, scopro che i Partners MS ora hanno a disposizione l’SDK di Surface tanto cercato, tanto richiesto, tanto elemosinato, ma mai trovato  neanche sul mulo. Ero disperato e rassegnato, ora sono rigenerato.

Non so se sarà un bagno di sangue, non so se sarà croce o delizia, ma di sicuro una cosa è certa. Sarà uno spasso.

Stay tuned, il blog riparte da qui.

Restarting blog – Hands on Surface SDK

Rimozione del worm Bagle

Sabato scorso ho cominciato la giornata con una doccia fredda. Ho subìto un attacco del worm Bagle.
La manifestazione del worm si è concretizzata in pochi minuti in :

  • disattivazione del mio antivirus (McAfee)
  • disattivazione del mio personal firewall (ZoneAlarm)
  • disattivazione di molti servizi di sistema
  • disattivazione di parecchie credenziali di accesso/modifica, specialmente al registro di sistema
  • inibizione dell’accesso al sistema nella modalità provvisoria
  • inibizione della reinstallazione e/o esecuzione di firewall/antivirus

Ovviamente questo mi ha parecchio sconfortato, e ho temuto il peggio. Infatti non riuscivo a fare niente, viste tutte le azioni messe in atto dal worm ed elencate prima.
Per fortuna, tramite un altro pc in casa, mi sono messo in cerca su internet di informazioni e tools che mi potessero aiutare, e ho trovato parecchia roba. Ma i tool specifici in realtà non mi sono stati di grande aiuto. Piuttosto una serie di operazioni manuali, mi ha salvato. Di seguito riporto i passi da seguire, frutto di un copia e incolla da diverse fonti, siti, post e altro, motivo per il quale scrivo questo post, sperando serva ad accelerare la risoluzione per qualcun altro.

Premetto che :

  • per fare tutto ciò è necessario entrare con una utenza di amministratore (che era poi l’utenza che è stata attaccata dal worm nel mio caso)
  • tutto quanto di seguito indicato, si riferisce ad un sistema Windows XP Professional +sp2, per cui nel caso di altri sistemi potrebbero esserci differenze riguardo i nomi delle directory (winnt ad esempio invece di windows, se si lavora sul 2000)

1. Ripristino Accesso in Modalità Provvisoria

Per ripristinare la modalità provvisoria ho portato ed eseguito (da una chiavetta usb) uno script reg sulla macchina colpita:

Windows Registry Editor Version 5.00

[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Ndisuio]
"Start"=dword:00000003
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Rpc]
"UuidSequenceNumber"=dword:0cdae01e
[HKEY_CURRENT_USER\Session\Information]
"ProgramCount"=dword:00000004

Dopo aver ripristinato questa funzionalità, riavviare la macchina ed entrare in modalità provvisoria (sempre come amministratore).

2. Cancellazione files

Cancellare tutti i file presenti, tra quelli indicati di seguito. Le indicazioni di seguito riportate, indicano con %SystemDrive% il disco (normalmente C) dove è installato il sistema operativo, e con %UserProfile% l’utenza (amministratore) con cui si sta operando:

  • %SystemDrive%\Documents and Settings\%UserProfile%\Dati applicazioni\hidires\m_hook.sys
  • %SystemDrive%\Documents and Settings\%UserProfile%\Dati applicazioni\hidires\hidr.exe
  • %SystemDrive%\Documents and Settings\%UserProfile%\Dati applicazioni\hidires\rosa.sys
  • %SystemDrive%\WINDOWS\system32\wintems.exe
  • %SystemDrive%\WINDOWS\system32\hldrrr.exe
  • %SystemDrive%\WINDOWS\system32\trusted.exe
  • %SystemDrive%\WINDOWS\system32\drivers\hidr.exe
  • %SystemDrive%\WINDOWS\system32\drivers\srosa.sys
  • %SystemDrive%\WINDOWS\system32\drivers\pci32.sys

3. Cancellazione directory

Cancellare tutte le directory presenti, tra quelle indicate di seguito:

  • %SystemDrive%\Documents and Settings\%UserProfile%\Dati applicazioni\hidires
  • %SystemDrive%\WINDOWS\exefnd
  • %SystemDrive%\WINDOWS\exefld

4. Cancellazione chiavi di registro

Tramite regedit.exe cancellate le chiavi di registro presenti, tra quelle di seguito elencate:

  • HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\m_hook
  • HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\rosa
  • HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\srosa
  • HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\pci32
  • HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Enum\Root\LEGACY_M_HOOK
  • HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Enum\Root\LEGACY_rosa
  • HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Enum\Root\LEGACY_SROSA
  • HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Enum\Root\LEGACY_PCI32
  • HKCU\Software\DateTime4
  • HKCU\Software\FirstRRRun

5. Cancellazione voci di registro

Ancora con regedit.exe verificate se esistono le seguenti voci nel registro, e nel caso cancellatele:

  • HKLM\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run
    • hldrr
    • hldrrr
    • rvsyskit
    • german.exe

6. Eliminazione File Temporanei

Eliminare dalla cartella:

%SystemDrive%\Documents And Settings\%UserProfile%\Dati Applicazioni\Impostazioni Locali\Temp\

tutti i file *.exe e *.tmp in quanto qualcuno di loro potrebbe essere una copia infetta del worm in questione.

7. Riattivazione Servizi Disabilitati

Eseguire l’applicativo di gestione dei servizi, tramite il comando Services.msc, ed abilitare, se disabilitati i seguenti servizi, riportando in Automatico l’avvio degli stessi:

  • Avvisi
  • Centro sicurezza PC
  • Aggiornamenti automatici
  • Connessioni di rete
  • Zero Configuration reti senza fili
  • Windows Firewall/ Condivisione connessinoe Internet (ICS)

8. Reinstallazione Antivirus e Firewall

Procedete con l’installazione ex-novo dell’antivirus e del firewall che sono stati travolti da Bagle e quindi riavviare, facendo come prima operazione al riavvio la scansione dell’intero disco, sia con l’antivirus che con un eventuale altro antispyware.

La cosa migliore, comunque, è quella di non avere mai bisogno di questa procedura.

Rimozione del worm Bagle