Due giorni indimenticabili

Dopo due giorni vissuti in maniera tanto intensa, come sono stati gli scorsi venerdi e sabato, è difficile oggi per me dare il massimo al lavoro, in un ufficio a scrivere codice per l’ambito bancario, tra persone che sebbene skillate e ben preparate, hanno una scarsa o spesso nulla attitudine alla condivisione del loro know-how e alla loro crescita professionale oltre i binari delle normali attivitá quotidiane.

Questo perchè mi rendo conto (ma è un problema solo mio ovviamente) di avere tantissima voglia di fare qualcos’altro, sento il fortissimo desiderio di impegnarmi in ambiti non solo relativi al mero sviluppo del codice (che è e resta ovviamente la mia passione e non solo il mio lavoro da oltre vent’anni), ma anche magari più coerenti con la condivisione e la formazione, attivitá che saltuariamente (ma in diverse occasioni) ho fatto giá in passato. Specialmente dopo due giorni passati in questo modo…

Qualcuno a quest punto si chiederá: “ma perché… che hai fatto di tanto interessante in questi famosi due giorni ?”… Beh ve lo spiego.

Insieme a Massimo Bonanni siamo andati a Milano in rappresentanza della Community dotNET{podcast} (di cui siamo due dei tre componenti, l’altro è Antonio Giglio) per partecipare a due eventi di cui avevo giá parlato in un precedente post.

Venerdì 25 settembre 2015

Siamo andati in Microsoft per partecipare all’evento “Windows 10 Day”, organizzato con Microsoft Italia da appassionati di retrocomputing tra cui il nostro amico Felice Pescatore, che ci ha accompagnato nella storia del sistema operativo di casa Microsoft dalla prima a quest’ultima versione, e con cui, sempre relativamente a questo argomento, abbiamo registrato l’interessantissimo podcast che trovate qui.

Approfittando della nostra presenza in Microsoft, abbiamo accettato con grandissimo piacere l’invito a partecipare a #Techeroes, uno show in forma di webcast trasmesso su Channel9.
In questo bellissimo show, curato e condotto da Roberto Andreoli e dal suo preparatissimo staff, si incontrano i veri eroi della tecnologia, quelli che ogni giorno con costanza e sacrificio producono innovazione e respirano passione.

In questa occasione, nella loro fantastica Video Room (speriamo non indegnamente) ci siamo ritrovati anche noi, e insieme a Roberto Andreoli, Paola Presutto e Erica Barone abbiamo realizzato tre “webcast-podcast”, ovvero registrazioni che andranno sia in video sul canale di #Techeroes, sia in solo audio sul nostro sito, quindi il consiglio è quello di restare sincronizzati con questi canali, per assistere a queste bellissime puntate.

Sabato 26 Settembre 2015

Per niente sazi della nostra splendida giornata in Microsoft il giorno prima, siamo andati all’Universitá Bicocca di Milano dove Ugo Lattanzi, Simone Chiaretta e Gianluca Centulani hanno invitato la nostra community a partecipare all’evento WEC Web European Conference, edizione 2015, una splendida occasione per parlare e respirare a pieni polmoni le ultime e più efficaci tecnologie per lo sviluppo di applicazioni web, con tantissimi speaker internazionali di grandissimo livello a rendere questa giornata davvero particolare.

Ovviamente ne abbiamo approfittato (come nostro solito), per “catturare” qualche grande esperto e poterci confrontare con loro per le tematiche che loro possono condividere con passione. Ovviamente abbiamo puntato al “Top” dell’esperienza e abbiamo convinto Dino Esposito prima a registrare con noi il suo secondo podcast…

… e quindi anche Scott Hanselman, altro volto noto di Channel 9, proveniente direttamente dagli USA che aveva poco prima aperto la manifestazione con una memorabile keynote…

Ammetto pubblicamente (e senza vergogna alcuna), di essermi sinceramente emozionato nel fare un podcast a Scott Hanselman, il quale realizza uno dei due podcast che seguo da anni (l’altro è dotNetRocks) e che hanno ispirato l’idea alla base di dotNET{podcast}, per cui al di lá dell’importanza giá rilevante del personaggio (nell’ambito Microsoft ovviamente) ci si è messa l’emozione nel rendermi titubante in alcune situazioni durante il podcast, cosa che ovviamente passerá inosservata a chi ascolterá il podcast, data la presenza dell’ospite in questione e la sua ovvia capacitá nel partecipare ad un podcast.

Per queste opportunitá che ci sono state concesse in questi due bellissimi giorni voglio, a nome di tutto lo staff di dotNET{podcast}, sinceramente ringraziare Roberto Andreoli per averci invitato e ospitato nella bellissima Video Room di #Techeroes così come ringraziamo Ugo Lattanzi e Simone Chiaretta per averci invitato al loro bellissimo evento Web European Conference e averci aiutato molto attivamente sia nel chiedere a Scott di fare il podcast con noi, sia nella fase stessa della registrazione della puntata, affiancandoci come speaker.

Due giorni indimenticabili, davvero…

Annunci
Due giorni indimenticabili

Windows 10 per Raspberry PI 2 arriverà presto e sarà gratis

La notizia di ieri è rimbalzata per tutta la rete: Microsoft ha annunciato che entro quest’anno rilascerà una versione del prossimo sistema operativo, Windows 10, capace di girare sulla board Raspberry PI 2.

Tutta la giornata di ieri c’è stato un gran fermento per questa notizia, tutti sono rimasti molto contenti di questa iniziativa, anche per il costo contenuto della board, al momento in cui scrivo di soli 35$.

Ma molti non sapevano cosa fosse la Rapberry PI, e anche io, che pure sono molto felice di questa notizia, non ho mai avuto modo di lavorarci.

Per quello che ne so, la Raspberry PI è di fatto un “microcomputer”, ovvero una singola scheda con caratteristiche proprie di un calcolatore classico, che qualche anno fa neanche un PC costoso aveva, e a cui possiamo demandare varie operazioni di calcolo tra cui, per esempio, quelle in ambito domotica o IoT.

Sviluppato da alcuni anni nel Regno Unito, era nato con l’idea di una scheda da usare per scopi “accademici” ma poi la notevole diffusione ne ha fatto qualcosa di più, questo anche perchè la sua “completezza” (scheda video, porte usb, ecc.) hanno ingolosito gli utenti meno esperti ma anche quelli più smaliziati.

Per capire di cosa stiamo parlando, vi riporto di seguito le caratteristiche specifiche di questa Raspberry PI 2:

  • CPU quad-core ARM Cortex-A7 900MHz
  • 1GB LPDDR2 SDRAM
  • Retrocompatibilità con la Raspberry Pi 1

Per quanto riguarda invece il succo della notizia, ovvero la disponibilità di una versione di Windows 10 per Raspberry PI 2, chi è interessato all’argomento (e magari vuole comprare una scheda per divertirsi un po’) deve andare sul sito di WindowsOnDevices e da lì poi seguire le indicazioni per associarsi al programma “Windows Developer Program for IoT”.
In questo modo si riceveranno tutte le informazioni in merito ai prossimi rilasci del programma (tra cui quello di Windows 10 per Raspberry PI 2).
Sicuramente sarà molto interessante dare un’occhiata a questa versione, anche in virtù del fatto che su di essa sarà possibile far girare le Universal App.

Ultimamente su dotNET{podcast} abbiamo parlato di IoT, ma sicuramente questo sarà uno dei prossimi argomenti che tratteremo.

Il tempo che mi rimane, tra lavoro, podcast e altre attività (famiglia inclusa), è veramente esiguo e per questo a casa ho ferme da un pezzo una Netduino 2 e una Intel Galileo (so che sono cose diverse, ma per me rientrano “ignorantemente” nella stessa categoria), ma questa notizia ha ravvivato l’interesse per un mondo che conosco poco, e che a mio avviso rappresentano il fronte tecnologico che avrà maggior sviluppo nei prossimi anni.

Magari questo post serve a ricordarmi che devo riprendere in mano la situazione 🙂

Windows 10 per Raspberry PI 2 arriverà presto e sarà gratis